Home » Blog » 10-11-2020

Life UrbanGreen: piattaforma per la gestione delle aree verdi

(di Arianna Giovine)

Il tema del cambiamento climatico è da tempo stato riconosciuto dall’Unione Europea attraverso l’adozione di una Strategia Europea di Adattamento ai cambiamenti climatici (COM 2016). Le aree urbane sono particolarmente sensibili agli impatti di questi cambiamenti che determinano fenomeni quali isole di calore, allagamenti e periodi di siccità.

Al fine di rendere le città più resilienti è necessario definire specifiche strategie di adattamento. In questo contesto, aree e infrastrutture verdi sono viste come gli strumenti più efficaci nel contrastare gli impatti del cambiamento climatico, aiutando la popolazione ad adattarsi al cambiamento oppure a mitigandone gli effetti.

Per questo l’obietto principale di LIFE URBANGREEN è di ottimizzare una piattaforma tecnologica innovativa per monitorare i servizi ecosistemici delle aree verdi urbane e migliorarne la gestione.

Nel corso del progetto la piattaforma di gestione R3 TREES sarà integrata con 5 componenti innovativi mirati a:

  • ridurre il consumo di acqua, irrigando solo dove e quando necessario;
  • ridurre l’impatto ambientale delle attività di manutenzione attraverso una pianificazione dei lavori più efficiente;
  • quantificare i servizi ecosistemici forniti dalle aree verdi;
  • monitorare le condizioni di salute degli alberi utilizzando dati da satellite;
  • aumentare la partecipazione dei cittadini nella manutenzione del verde.

Il risultato atteso è un sistema di gestione intelligente ed integrato per monitorare e gestire tutte le attività collegate alla gestione delle aree verdi, massimizzandone i benefici ecosistemici.

La piattaforma integrata sarà sviluppata e quindi testata nelle città di Rimini (Italia) e Cracovia (Polonia), le quali sono state scelte come città di riferimento per le zone climatiche temperata e continentale. Inoltre, anche la città di Taipei ha deciso di partecipare a LIFE URBANGREEN e replicherà alcune attività di progetto in un’area pilota di Taiwan a proprio costo.

Per maggiori informazioni