Home » Blog » 19-11-2020

Infrastrutture turistico-ricreative per le attività outdoor

(di Federica Stagni)

Pochi giorni fa è stato validato il progetto esecutivo redatto da Anthemis per i lavori di implementazione e innovazione delle attività outdoor praticabili nel contesto dell’itinerario Anello Ceronda. La valorizzazione si pone nell’ambito della programmazione definita nel bando emesso in attuazione della Linea d’intervento 7.5.2 “Infrastrutture turistico-ricreative per le attività outdoor” del Piano di Sviluppo del “GAL Valli di Lanzo Ceronda Casternone”, finanziato dal FEASR – Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo locale.

Il progetto, che coinvolge 3 comuni della fascia di territorio di Bassa Valle ove si estende l’itinerario outdoor Anello Ceronda (Cafasse, Fiano e Vallo Torinese), intende collocarsi come occasione di valorizzazione e integrazione di itinerario pre-esistente. Si tratta di un itinerario escursionistico e cicloescursionistico, così denominato perché si sviluppa in forma anulare estendendosi per gran parte nella valle del Torrente Ceronda.

Il percorso è caratterizzato da due sezioni dalle caratteristiche differenti: una parte montana e panoramica, che si estende sui pendii del Massiccio Ultrabasico di Lanzo, e una parte pressoché pianeggiante che, ai piedi del gruppo montuoso prealpino, costeggia l’area protetta del Parco Regionale La Mandria. Tra pochi mesi l’inizio dei lavori e da maggio si potrà godere appieno dei percorsi e del panorama sulla Valle.